in condizioni estreme

Nei nostri laboratori possiamo effettuare prove di invecchiamento accelerato ricreando particolari condizioni ambientali e riprodurre l’effetto dell’aggressione di agenti atmosferici e chimici. Questo permette di effettuare un invecchiamento accelerato di un materiale o/e componente e valutarne il grado di degradazione, la durata e la resistenza.

I test di invecchiamento accelerato forniscono informazioni particolarmente preziose sia nella fase di progettazione sia di sviluppo prodotto, come ad esempio nella scelta del materiale più Prove di invecchiamento accelerato - Camera Climatica antideflagranteidoneo da utilizzare, sia per il benchmarking, sia per il collaudo in produzione a garanzia di qualità.

I principali test che eseguiamo con la nostra strumentazione sono:

  • resistenza all’ irraggiamento solare (xenotest, UV test) sec. ISO 105B02, ISO 105B04, SAE J2527, ISO 4892-2, MIL-STD 810F, etc.
  • resistenza all’ozono sec.  ISO 1431, 3011, 7326, ASTM D 1149, 4575, 3395, 518, DIN 53 509
  • cicli di esposizione in camera climatica con controllo di temperatura ed umidità secondo le specifiche esigenze del cliente
  • cicli di shock termico (-60°C/+160°C) secondo le specifiche esigenze del cliente
  • cicli termici in camera climatiche antideflagranti da 1200 litri e 600 litri di volume
  • prova di resistenza alla nebbia salina (salt fog) sec. ISO 9227, ASTM B117, etc
  • Noxius test secondo le normative IEC 68-2-60 e DIN 40046-37 per verificare la resistenza all’inquinamento atmosferico di componenti e schede elettroniche (H₂S, SO₂, NOX).
  • allestimento di prove in accordo a specifiche del cliente.

Attraverso lo XENOTEST possiamo sottoporre componenti e provini all’esposizione accelerata alla luce ricreando gli stessi effetti di invecchiamento prodotti dall’irraggiamento solare, con il controllo di temperatura e umidità della camera. Siamo in grado inoltre di effettuare la simulazione dell’effetto pioggia in presenza o meno dell’irraggiamento, ricreando così le più svariate condizioni ambientali per garantire risultati simili alle reali condizioni di utilizzo di un prodotto.

Per il controllo dei parametri di prova ci affidiamo a strumentazione evoluta come l’Atlas Alpha+.

Con il test di resistenza all’ozono possiamo valutare la resistenza di materiali, principalmente gomme o polimeri, all’esposizione prolungata in ambiente a determinate concentrazioni di ozono. I nostri strumenti permettono di ricreare tipologie ambientali controllando differenti parametri quali la temperatura, l’umidità relativa e la concentrazione di ozono, simulando in tal modo gli effetti che si produrrebbero su un materiale esposto costantemente all’ambiente esterno.

E’ possibile ricreare un ambiente con concentrazioni tra 0 e 500 pphm, temperature tra +5 e +70°C, umidità relativa 40-90%.

Possiamo effettuare test per simulare cicli termici su materiali e componenti, con escursioni termiche da +200°C fino a -70°C, controllando il livello di umidità desiderata. Disponiamo di camere con volume interno fino a 1,2 mᶟ, con possibilità di inserire componenti di notevoli dimensioni o più componenti contemporaneamente.

La strumentazione utilizzata per queste prove è prodotta da un leader del settore come Angelantoni ACS.

Le nostre dotazioni strumentali ci consentono di formulare prove speciali su specifiche esigenze del Cliente. Grazie infatti alla presenza di due camere climatiche antideflagranti, possiamo eseguire prove in temperatura in presenza di liquidi pericolosi (quali solventi, lubrificanti, miscele di benzina etc..) e azionamenti elettrici, testando la resistenza di un materiale o un manufatto a particolari aggressioni chimiche.

Possiamo eseguire test di shock termico e cicli termici su provini e componenti con rapide escursioni di temperatura da +200°C a -80°C. Lo shock termico causato dalla repentina variazione di temperatura permette di valutare se le condizioni limite cui i materiali sono stati sottoposti abbiano causato problematiche pregiudicandone la funzionalità.

  • MIXED FLOWING GASES TESTING (MFG) o NOXIOUS TEST – Possiamo sottoporre campioni e provini a noxious test per verificare la resistenza di un materiale all’esposizione a gas nocivi secondo norme IEC 60068-2-60 (flowing mixed gas corrosion test) e DIN 40046-37 o su specifiche del Cliente. I test vengono eseguiti in camera climatica appositamente equipaggiata con un sistema per l’introduzione simultanea e il dosaggio di differenti gas corrosivi (H₂S, SO₂, NOX) all’interno del vano di prova.
  • PROVE IN NEBBIA SALINA – Eseguiamo test di resistenza alla corrosione su diverse tipologie di materiali in camera satura di nebbia salina con possibilità di regolare temperatura, umidità e pH, per garantire la corretta procedura delle normative indicate dal Cliente. Nello specifico siamo in grado di eseguire: prove di corrosione in camera con nebbia salina neutra, nebbia salina acetica, nebbia cupro-salino-acetica CASS ( secondo le norme ISO 9227 e ASTM B117).
  • PROVE DI EROSIONE A SOLIDO – Eseguiamo test di erosione a solido secondo la norma ASTM G76, per testare la resistenza delle superfici dei materiali, di rivestimenti, placcature, resine epossidiche, saldature, vernici. Il campione di prova introdotto nella camera Air Jet, viene colpito da un flusso d’aria carico di particelle abrasive che ne incidono la superficie. Successivamente viene quantificata la perdita di peso per unità di tempo che rappresenta il grado di erosione o il tasso di usura del materiale testato.